Le azioni GameStop semplicemente non offrono valore

Se ne è parlato molto GameStop (NYSE: GME ) le azioni andranno sulla luna nel 2021. Allo stesso tempo, ci sono state molte persone che hanno martellato il tavolo sul fatto che il titolo è sopravvalutato.

le azioni hertz andranno a zero?
I rivenditori passano davanti a un negozio GameStop (stock GME) a ​​New York City, New York.Fonte: Northfoto / Shutterstock.com

Sicuramente il titolo GME è sopravvalutato rispetto a dove era appena un anno fa. Il titolo è cresciuto del 4,760% negli ultimi 12 mesi. Ma i rialzisti del GME sosterrebbero che i venditori allo scoperto avevano semplicemente reso il titolo estremamente sottovalutato un anno fa.

A differenza delle criptovalute che sono popolari sui social media in questi giorni, le azioni rappresentano in realtà quote di proprietà in società reali. Osservando le valutazioni relative di questi titoli e delle loro attività sottostanti, è effettivamente possibile avere un'idea di quanto sia costoso un titolo rispetto a un altro.





Ecco uno sguardo al fatto che le azioni GME siano effettivamente sopravvalutate e quale potrebbe essere effettivamente un valore di mercato equo approssimativo.

Pari titoli GME

Non c'è dubbio che il GME sia uno stock di storie. La sua attività è in un posto terribile. Nel primo trimestre, GameStop ha registrato 1,28 miliardi di dollari di entrate nel primo trimestre, in calo del 17,4% rispetto ai numeri pre-pandemia nel 2019. La società ha anche registrato una perdita netta di 66,8 milioni di dollari. Se GameStop ha continuato a riportare numeri del genere nei prossimi 10 anni, è difficile discutere contro l'idea che il titolo sia sopravvalutato.



Invece, i tori di GameStop credono nella storia a lungo termine. Dicono che GameStop si trasformerà in un rivenditore moderno in grado di aumentare le entrate e generare profitti.

Oggi sceglierò due gruppi di peer retail GameStop con cui confrontare le azioni. Il primo gruppo di pari sono i rivenditori che stanno lottando per generare una crescita dei ricavi e stanno perdendo denaro, proprio come oggi GameStop. Il secondo gruppo sarà costituito da rivenditori che hanno trovato un modo per adattarsi al panorama moderno e sono sia in crescita che redditizi.

Per l'attuale gruppo di pari, sto usando Letto, bagno e oltre (NASDAQ: BBBY ), Abercrombie & Fitch Co. (NYSE: ANF ) e Città festaiola (NYSE: PRTY ). Come GameStop, questi rivenditori hanno faticato a cambiare i loro modelli di business per prosperare nei tempi moderni. Guadagni e ricavi sono diminuiti drasticamente negli ultimi anni. Tutti e tre hanno generato pesanti perdite nel 2020.



Per il gruppo di azioni in crescita redditizia, sto usando Williams-Sonoma (NYSE: WSM ), Articoli sportivi di Dick (NYSE: DKS ) e Miglior acquisto (NYSE: BBY ). Questi tre rivenditori non solo hanno aumentato l'EPS e le entrate negli ultimi cinque anni, ma ciascuno è stato redditizio nel 2020. Queste aziende hanno i tipi di attività che GameStop aspira a creare se può cambiare le cose.

azioni blue chip ad alto dividendo 2017

GameStop e le lotte tra colleghi al dettaglio

Abercrombie, Party City e Bed, Bath & Beyond hanno un multiplo medio di 13,35, secondo Finviz. Sfortunatamente, il problema nel confrontare GameStop con questi altri colleghi in difficoltà è che GameStop non dovrebbe essere redditizio nell'anno fiscale 2022 o addirittura nell'anno fiscale 2023. stime degli analisti chiedono una perdita di EPS di 74 centesimi da GameStop nell'anno fiscale 2022 e una perdita di EPS di 22 centesimi nell'anno fiscale 2023. L'ultimo anno redditizio di GameStop è stato il 2018 quando ha generato un EPS di 34 centesimi. Sulla base di quel numero del 2018, il titolo GME è attualmente scambiato a un multiplo degli utili di circa 674.8.

Ma nel valutare un'azienda c'è di più che i soli guadagni. Abercrombie, Party City e Bed, Bath & Beyond commerciano con un rapporto prezzo/vendita medio di 0,55. Il rapporto PS di GameStop è 2,91, più di cinque volte superiore.

Quando si tratta di flusso di cassa gratuito, il quadro non diventa più bello. Abercrombie, Party City e Bed, Bath & Beyond hanno un prezzo medio per FCF di 27,8. GameStop è 180.9.

E se le cose migliorassero?

Supponiamo ora, per amor di discussione, che i tori di GameStop siano corretti. L'azienda fa una svolta di 180 gradi e torna ad essere redditizia e riprende il percorso di crescita a lungo termine. Come si confronta la sua valutazione attuale con quella di altri rivenditori redditizi e in crescita?

Williams-Sonoma, Dick's e Best Buy hanno un guadagno medio a termine multiplo di 13,86. Hanno un rapporto PS medio di circa 1 e un rapporto P/FCF di 8,12. Ricorda, il rapporto PS di GameStop è 2,91 e il suo P/FCF è 180,9.

Valore reale del titolo GME

Sono costretto a eliminare completamente i multipli dei guadagni poiché GameStop sembra essere lontano anni dalla redditività. Ma sulla base delle sole vendite e del flusso di cassa, le azioni GME sembrano essere sopravvalutate di circa l'83% rispetto ad altri rivenditori in difficoltà.

Rispetto ai rivenditori fiorenti, la storia è simile. In base al flusso di cassa e alle vendite, le azioni GameStop sono sopravvalutate in media di circa il 70%.

quando è il Presidents Day nel 2016?

Sulla base delle metriche di valutazione di cui sopra e dell'attuale prezzo delle azioni di GameStop, una valutazione realistica per le azioni GME sembra essere compresa tra $ 39 e $ 69, supponendo che la società possa capire come tornare alla redditività nel prossimo futuro. Dubito che accadrà, quindi questo intervallo di valutazione è probabilmente estremamente ottimista nelle circostanze attuali.

Alla data di pubblicazione, Wayne Duggan non deteneva (né direttamente né indirettamente) alcuna posizione nei titoli di cui al presente articolo. Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle di chi scrive, soggetto a InvestorPlace.com Linee guida per la pubblicazione .

Wayne Duggan è un collaboratore di US News & World Report Investing dal 2016 ed è uno scrittore dello staff diBenzinga, dove ha scritto più di 7.000 articoli. Mr. Duggan è l'autore del libro Battere Wall Street con il buon senso, che si concentra sulla psicologia degli investimenti e strategie pratiche per sovraperformare il mercato azionario.